Apertura di finestra con veduta sui vicini

La Corte di cassazione ha stabilito che
[Fattispecie] Se si apre una finestra che consente la veduta sull’immobile di altri:

  • da un lato è violata la riservatezza altrui
  • ma, dall’altro, si può acquistare il diritto di mantenere la finestra (a favore dell’immobile che viene qualificato come “dominante”) e quindi la veduta (la cosiddetta servitù di veduta) nel caso in cui risulti che la finestra è stata aperta da tempo, tanto che ne è scaturita l’usucapione

La Suprema Corte precisa che si può usucapire una servitù (come quella di veduta) quando è attuata con opere esteriorizzate (cosiddetta servitù apparente)
anche quando l’opera esteriorizzata, non sia visibile dall’immobile del vicino (ignaro)
(immobile qualificato, in seguito alla nascita della servitù, come “servente”):
è sufficiente che il vicino abbia la possibilità di vederla, ad esempio percorrendo una via pubblica
… si tratta della sentenza del 17 novembre 2014 n. 24401

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *