La liquidazione concorsuale dell’eredità Avvocato esperto in materia di debiti ereditari

La liquidazione concorsuale

La liquidazione concorsuale in materia di successioni è una procedura di cui possono (o, in alcuni casi, devono) avvalersi gli eredi che abbiano accettano con beneficio d’inventario.

Tramite questo procedimento vengono liquidati i creditori ereditari e i legatari.

Gli eredi che intendono avvalersi di questa procedura devono recarsi da un notaio.

Si consiglia l’assistenza di un avvocato esperto in successioni ereditarie.

I tipi di liquidazione concorsuale in ambito di successioni

La liquidazione concorsuale può essere obbligatoria o facoltativa.

La liquidazione concorsuale obbligatoria ex art. 498 c.c.

È obbligatoria quando anche un solo creditore ereditario o un legatario notifichi all’erede l’opposizione alla liquidazione individuale.

Tale opposizione deve essere notificata entro un termine stabilito dalla legge.

Nello specifico, il termine è quello di 30 giorni dalla trascrizione dell’accettazione con beneficio d’inventario.

Se l’inventario è successivo, il termine suddetto decorre dall’annotazione dello stesso.

La liquidazione concorsuale facoltativa ex art. 503 c.c.

In mancanza di opposizione, gli eredi possono avvalersi della procedura in oggetto, di loro iniziativa.

In caso di più eredi, può anche essere proposta da uno solo.

L’erede che, di sua iniziativa, decide di avvalersi della liquidazione concorsuale, deve convocare gli altri eredi davanti al notaio.

Se gli altri eredi non si presentano, questi non decadono dal beneficio d’inventario e la liquidazione è fatta dal notaio a loro nome.

Le fasi della liquidazione concorsuale. L’avviso di dichiarazione del credito.

Il notaio comunica – mediante raccomandata – l’avviso ai creditori e ai legatari di cui è noto il domicilio o la residenza.

Inoltre, l’invito deve essere pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.

Tramite l’avviso, i creditori e i legatari sono invitati a dichiarare, rispettivamente, il loro credito e il loro legato.

Se è stata presentata opposizione, l’invito deve essere inviato entro un mese dalla data dell’opposizione stessa.

Gli effetti dell’invito

Dal momento dell’invito:

– è sospeso il decorso degli interessi dovuti ai creditori chirografari;

– non possono più essere iniziati i procedimenti esecutivi;

– i procedimenti esecutivi già iniziati possono essere portati a termine ma il ricavato, soddisfatti i creditori con diritto di poziorità, deve essere accantonato.

La formazione dello stato di graduazione

Consiste nel riconoscimento dei crediti e dei legati e nella loro collocazione secondo il grado di preferenza legale.

Compiuto lo stato di graduazione, il notaio avvisa i creditori e i legatari.

Questi hanno 30 giorni per presentare reclamo mediante atto di citazione dinanzi al tribunale del luogo di apertura della successione.

I diversi reclami vengono riuniti, al fine di un unico giudizio.

Con il reclamo si può far valere il mancato inserimento di un credito all’interno dello stato di graduazione o l’inesatta collocazione nella graduazione.

Lo stato di graduazione diviene definitivo se non sono presentati reclami o, se sono presentati, quando la sentenza passa in giudicato.

Il pagamento dei crediti e dei legati e l’eventuale liquidazione delle attività ereditarie

La liquidazione delle attività ereditarie ha luogo se e in quanto si renda necessaria per estinguere le passività.

I crediti devono essere pagati secondo lo stato di graduazione.

Se l’attivo non è sufficiente a soddisfare i crediti di pari grado, questi sono pagati in proporzione.

In ogni caso, si procede prima a pagare i creditori con diritto di poziorità.

I creditori hanno diritto di essere soddisfatti con precedenza rispetto ai legatari.

L’esperienza dello Studio Legale in ambito di successione ereditaria

Lo Studio Legale si occupa tradizionalmente delle successioni ereditariecontratto preliminare roma.

In materia, si fornisce consulenza e assistenza, sia giudiziale che stragiudiziale.

Per contattare ciascun avvocato dello Studio, si può utilizzare uno dei recapiti indicati nella Pagina Contatti

oppure scrivere a successioni@professionistilegali.it

 

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *