Crisi aziendale e necessità di contenimento dei costi Un peculiare caso di impugnazione del licenziamento

Il caso esaminato in tema di licenziamento illegittimo

Una società operante nel settore dell’editoria ha licenziato un giornalista in ragione della crisi aziendale.

Il licenziamento sarebbe stato inevitabile, secondo la società datrice, in un’ottica di contenimento di costi.

Il giornalista ha così provveduto all’impugnazione del licenziamento.

L’impugnazione del licenziamento e il giudizio di merito

Il giornalista ha impugnato il provvedimento innanzi all’autorità giudiziaria che, nei due gradi di merito, ha respinto il ricorso.

I giudici di merito hanno ritenuto dimostrate le ragioni addotte dalla società per essere stata, la stessa, ammessa al trattamento in CIGS (Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria), con decreto ministeriale.

Il giudizio di cassazione

Il giornalista ha proposto ricorso per cassazione.

Il Supremo Collegio, in accoglimento del ricorso, ha ribaltato la sentenza della Corte di merito.

Cass. 20 ottobre 2017 n. 24882

I giudici della Cassazione hanno affermato che

nel licenziamento individuale per giustificato motivo oggettivo è onere del datore di lavoro dimostrare l’effettiva soppressione della posizione lavorativa del lavoratore e l’impossibilità di un suo diverso reimpiego

A tal fine, si è sostenuto che

la crisi aziendale e la necessità di un contenimento dei costi attuata con la contrazione del numero dei giornalisti occupati non legittimano il licenziamento

Le motivazioni della sentenza

Seguendo l’iter motivazionale, il datore deve dimostrare

a) quale è stato il posto occupato dal lavoratore;

b) l’effettiva soppressione di tale posizione quale conseguenza di una ristrutturazione aziendale;

c) l’impossibilità di reimpiego del lavoratore col nuovo assetto organizzativo.

Solo se assolve tale onere probatorio, il datore di lavoro dimostra la sussistenza delle “esigenze tecnico organizzative e produttive” richieste dalla legge (art. 3 l. 15 luglio 1966, n. 604).

I precedenti

La decisione qui commentata si allinea agli orientamenti espressi in precedenza in tema di onere della prova.

Quanto alla prova che la società deve fornire, i giudici hanno precisato che non è richiesta la prova dell’andamento economico negativo della società.

Il principio risulta conforme ai precedenti (Cass. 10699/2017 e Cass. 25201/2016).

L’obbligo di repechage

I giudici hanno ribadito la sussistenza di un obbligo di repechage in capo al datore di lavoro.

E hanno escluso che sia il lavoratore a dover indicare le possibili alternative dei posti assegnabili nel nuovo assetto della società.

Anche in merito a tale ultimo aspetto, la Cassazione si era già espressa negli stessi termini (Cass. 13 giugno 2016 n. 12101).

Un avvocato esperto in diritto del lavoro

Il professionista esperto nel settore giuslavoristico non può prescindere da un’attività di  costanze aggiornamento.

Ciò vale sia nel caso di professionista chiamato ad assistere le imprese che nel caso di tutela degli interessi del lavoratore.

L’attività di studio e formazione deve muovere, in particolare, dalle decisioni rese dalla giurisprudenza.

L’avvocato deve infatti avere contezza delle evoluzioni che si registrano nelle applicazioni giurisprudenziali

avvocato diritto del lavoro roma

Lo Studio Legale si occupa, sin dalla sua costituzione, del settore del diritto del lavoro, ambito nel quale  ha maturato una significativa esperienza.

Al fine di mettersi in contatto con il mio Studio Legale – per consulenza o assistenza in diritto del lavoro – si possono utilizzare i recapiti che si trovano nella Pagina Contatti

oppure si può inviare un messaggio di posta elettronica a lavoro@professionistilegali.it

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *